Io e la mia 500

...e il mondo di Pas

Attenzione
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza Cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Premendo il tasto "Accetto", acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu' clicca su "Approfondisci"

    Approfondisci

    Tu hai rifiutato l'utilizzo dei Cookie. Puoi ripensarci.

Il regno delle terre emerse

Il regno delle terre emerse
( una società ideale nel Mediterraneo - une societè ideale en Mediterranèe )

 

C'era una volta un pirata  di nome Barzellù.......

...................................................................

Capitolo xy - Una vallata , un fiume. 

Un giorno il pirata Barzellù lasciò il suo vascello nella baia ad ovest della Corsica e con i suoi uomini si diresse verso il centro della Grande Isola.

 

Attraversarono boschi, laghi, fiumi, alte montagne spesso innevate ed arrivarono in cima ad un monte... davanti ai loro occhi ecco un meraviglioso lago.... tutto tondo e da quel momento il monte ed il lago furono chiamati Monte Rotondo e Lago Rotondo.

 

Incominciarono a scendere dai monti, lungo sentieri verdi e fioriti; alberi giganteschi, grandi sassi caduti dalle cime dei monti, cascate maestose creavano panorami da favola: che meraviglia!

 

Il pirata Barzellù aveva un animo nobile, nonostante il suo spirito battagliero, il suo cuore si emozionava quando una bella scena si apriva davanti ai suoi occhi. Che bellezza! Madre natura gli regalava tanto splendore, camminava, camminava scendendo dalla montagna con i suoi uomini, finché, ad un certo punto ... ecco tra gli alberi una casetta di legno, dal camino usciva fumo... qualcuno abita qui, disse tra sé e sé.

 

Mentre camminava per avvicinarsi a quella capanna, il pirata continuava a chiedersi chi potesse abitare in quel luogo sperduto...
Toc toc toc bussò alla porta .. Una voce di un vecchio chiese: "Chi è"?   "Sono il pirata Barzellù", rispose!

 

Il vecchio aprì la porta tutta "sgangherata” e fece entrare il pirata, i loro sguardi s'incontrarono e .... i due incominciarono a parlare tra loro .... raccontarono della loro vita... (cosa si dissero?.... nessuno lo sa... ma il vecchio e il pirata scoprirono di amare allo stesso modo la natura e la libertà...).

 

Così si fece notte: il vecchio ospitò il pirata ed i suoi amici nei pressi della capanna.
Quando fu l’alba il pirata era già pronto per tornare al suo veliero. "Ciao Barzellù...." , "Ciao Caesar... grazie per l’ospitalità,  a buon rendere...."

 

Sotto il sole, tra i boschi, il pirata si rimise in cammino, dalle cime dei monti scorse di nuovo il mare .... ritornò al suo veliero pronto a partire ancora per una nuova avventura, con il pensiero rivolto a quella casetta vicino al fiume!

 

------------------------

 .... la favola continua con il tuo contributo di fantasia : scrivi la continuazione della favola su Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

< home >

 

Aggiungi commento

Lingua

Italian English French German Spanish

Chi è online

Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

Contatore visite

3857784
Oggi
Ieri
Totale
38
624
3857784

Immagine casuale

500  piazza mincio roma.jpg

Copyright © 2018 www.ioelamia500.it.

All Rights Reserved.

Accedi

Privacy Policy Cookie Policy